Kristrún Rut Antonsdóttir protagonista nella vittoria del Chieti contro l'Apulia Trani

Ulteriore successo e rete per l'ex Selfoss
26.03.2018 22:38 di Mattia Giodice Twitter:    Vedi letture
Fonte: chieticalciofemminile.net
Le undici iniziali
Le undici iniziali
© foto di chieticalciofemminile.net

La centrocampista islandese Kristrún Rut Antonsdóttir ha disputato tutti i 90 minuti della sfida vinta per 2-1 dal suo Chieti al Guido Angelini, contro l’Apulia Trani.

Secondo quanto riferito dal sito Internet ufficiale della società neroverde, sono state decisive due invenzioni di Giulia Di Camillo nella ripresa che hanno mandato in rete la montenegrina Marija Vukčević e proprio l'ex Selfoss, prima della rete ospite sul finale di gara con Grazia Volpe.   

Le teatine soffrono, ma tirano fuori il carattere e conquistano un fondamentale successo che permette loro di rimanere in scia della Lazio e tenere a debita distanza le attuali dirette concorrenti al terzo posto, ossia la Roma Decimoquarto e il Grifone Gialloverde.

Mister Lello Di Camillo conferma l'intero schieramento che aveva conquistato i tre punti in occasione della trasferta contro il Nebrodi.

L’Apulia Trani si è resa minacciosa nei primi minuti di gioco, portandosi spesso nella metà campo neroverde.

All'8' la prima apprensione per il Chieti con una punizione battuta dalla trequarti ad opera della franco - algerina Schéra Lina Chabane che colpisce il palo, la sfera carambola su Maria Grazia Balbi, ma fortunatamente l'estremo difensore riesce a sventare il pericolo.

Al 19°, prima buona azione sfumata dalle teatine. In seguito a un rimpallo che favorisce Alessia Tagliaferri, quest'ultima calcia in porta, ma colpisce la traversa e successivamente Giuseppina Di Bari accompagna la palla in corner. 

Sei minuti dopo, prima una conclusione dalla distanza di Vukčević con pronto intervento in tuffo di Di Bari, poi replica Giulia Di Camillo che sfiora l'incrocio.

Al 27°, Tagliaferri prova il pallonetto che beffa Di Bari in uscita, ma il suo tentativo finisce alto.

Nei due minuti successivi, capitan Giada Di Camillo va al cross per la sorella Giulia che prova un tiro al volo, ma purtroppo per lei senza l'esito sperato.

Intorno alla mezzora, sempre Giulia Di Camillo vede Di Bari fuori dai pali e prova il lob da distanza notevole, il portiere ospite si salva con affanno mettendo in angolo.

Dunque, la prima frazione si conclude a reti bianche.

Al nuovo ingresso in campo, Barbara Benedetti va al cross trovando la testa di Alice Ferrazza che scheggia la traversa.

Il vantaggio arriva al 63° con una precisa punizione della numero dieci per la testa di Vukčević che indirizza la sfera dove Di Bari non può arrivare.

Al 66°, scambio fra Benedetti e Tagliaferri, palla al centro ancora per Vukčević che non riesce a trovare il guizzo finale a due passi dal portiere.

Al minuto 83 le neroverdi raddoppiano con Kristrún Rut Antonsdóttir che, sempre su cross di Giulia Di Camillo, anticipa di testa Di Bari in uscita.

Due minuti dopo la stessa Chabane ha una grande occasione, ma calcia sull’esterno della rete da buona posizione.

In "Zona Cesarini", l'Apulia Trani accorcia le distanze con Volpe, per l'ennesima rete di testa dell'incontro sugli sviluppi di un calcio d'angolo.

In pieno recupero, un contropiede improvviso porta al tiro Isabel Sgaramella, ma Balbi salva il risultato bloccando con sicurezza.

Il Chieti va sotto la tribuna a festeggiare fra gli applausi dei propri tifosi e continua la sua corsa.

Ora ci sarà la sosta per le nazionali, dove l'Islanda di Freyr Alexandersson e le Fær Øer di Pætur Smith Clementsen si affronteranno un contro l'altra, oltre alla sfida tra le islandesi e la Slovenia di Mateja Zver, ex Þór/KA, e poi, al ritorno in campo, lo scontro diretto tra il Chieti e il Grifone Gialloverde in trasferta.

Dopo ventuno turni di campionato, il Chieti è terzo con 41 punti.

L'Apulia Trani, invece, è settima con 26 insieme al Salento Women.