Adrian Rúnason​​​​​​​ Justinussen a TV2: "Paura di volare? Sono stato seguito da uno psicologo"

La stella dell'HB ha superato la paura di volare ed è pronto a trasferirsi all'estero.
20.05.2020 15:00 di Mattia Giodice Twitter:    Vedi letture
Fonte: TV2.no
Adrian nell'HB di Heimir
Adrian nell'HB di Heimir

Adrian Rúnason Justinussen è, senza ombra di dubbio, la stella dell'HB, e, con ogni probabilità, sta disputando la sua ultima stagione in Betri Deildin Menn.​​​​​​​

Adrian, compirà ventidue anni quest'estate, e, tra le altre cose, è noto per la sua grande abilità nei calci piazzati, che l'ha portata a mettere la sua firma diverse volte su punizione.​​​​​​​

Ha già segnato due goal, nei primi due turni del massimo campionato maschile feroese, di cui il primo nella vittoria per 1-0 contro l'EB/Streymur, al Gundadalur di Tórshavn, proprio su calcio di punizione, mentre il secondo, di testa, nel successo di domenica scorsa, al Fløtugerði di Fuglafjørður, contro l'ÍF per 1-3.

Spesso ci si interroga sui motivi che spingono Adrian a non provare ancora un'avventura all'estero, per potersi definitivamente affermare nel mondo del calcio.

Ciò è dovuto al fatto che Adrian ha lottato a lungo con la paura di volare, un problema che, finora, gli ha sempre impedito di lasciare l'arcipelago, considerando anche che, tra una trasferta e l'altra, ci sono campionati con squadre che prendono l'aereo più volte durante l'anno.

Tuttavia, in un'intervista con i norvegesi di TV2, ha affermato di aver superato tale paura.

Il primo episodio si era verificato in un volo con la nazionale Under 19, per la Bulgaria.

Adrian, però, avendo superato questo problema, ha tutta l'intenzione di dimostrare il suo valore in questa stagione, così da ottenere un contratto all'estero per il 2021.​​​​​​​

"Sono stato seguito da uno psicologo e mi ha aiutato a liberarmi della paura di volare. L'ultima volta che sono salito su un aereo, non avevo paura. Temevo che la paura di volare avrebbe bruciato le mie possibilità di andare all'estero e diventare professionista.", ha commentato.

Adrian, naturalmente, è stato anche un giocatore dell'islandese Heimir Guðjónsson negli ultimi due anni, dove ha realizzato ventiquattro goal in trentuno incontri, nel 2018, e diciannove in trentacinque, nel 2019.​​​​​​​

Ha esordito in Prima Squadra nel 2013, tre apparizioni, prima di scendere in campo ventitré volte e trovando la via del goal in nove occasioni l'anno successivo.

Per lui anche dodici e dieci goal in quaranta presenze, nel 2015 e nel 2017, ma in mezzo, nel 2016, era riuscito a realizzare ben quarantacinque goal in cinquantadue partite.

In nazionale, ha nove presenze in Under 17, due in Under 19 e tre in Under 21.

Pur non avendo ancora giocato un minuto, ha comunque una convocazione in nazionale maggiore.

Alcune società islandesi, probabilmente, cercheranno di acquistare Adrian la prossima stagione, ma per il classe 1998 potrebbero aprirsi anche porte al di fuori dei campionati di riferimento seguiti da AtlanticFootball.it.