Betri Deildin Menn 2020 | Sesta giornata, vincono l'EB/Streymur e l'ÍF. Solo un pari a Klaksvík. Cade ancora il B36

Big match deciso nel finale di gara, ma con un punto a testa.
07.06.2020 19:50 di Mattia Giodice Twitter:    Vedi letture
1-1 al við Djúpumýrar
1-1 al við Djúpumýrar

Nella giornata odierna, dopo l'anticipo di ieri, si sono disputate le altre quattro gare relative al sesto turno di Betri Deildin Menn.

Tre di queste erano in programma alle 16:00 ora italiana.

L'EB/Streymur, infatti, ha ospitato lo Skála, al við Margáir di Streymnes, in quello che era, a tutti gli effetti, un vero e proprio scontro diretto per la salvezza. La sfida non è stata piena di occasioni da goal, ma è servita per raggiungere l'obiettivo prefissato, ovvero i tre, vitali, punti per una delle due squadre. La compagine in questione è quella dei nerazzurri, uscita vincitrice per 1-0 grazie alla rete messa segno da Tóki Hammershaimb Johannesen al 12°, servito da Niklas Tummasarson Kruse. Un successo importante, che porta l'EB/Streymur a risalire la china, mentre per lo Skála si fa sempre più dura.

L'ÍF, invece, ha ricevuto l'AB, al Fløtugerði di Fuglafjørður. Gli ospiti non hanno affatto sfigurato e, probabilmente, si può affermare che la prestazione odierna sia stata tra le migliori fin qui disputate, capitalizzando le occasioni create, ma mancando su ciò che davvero era importante, ossia vincere. I biancorossi, infatti, hanno avuto la meglio per 4-2, in un incontro che non è certo mancato di emozioni. La notizia è che il serbo Uroš Stojanov non è andato in goal, ma può anche essere un fattore positivo se si considera che, così, non si potrà continuare a dire che l'ÍF sia Uroš - dipendente. Nonostante un buon inizio dell'AB, è Jan Ólavsson Ellingsgaard a sbloccare il match al 23°, ma Bartal Skaalum Petersen ha ristabilito, immediatamente, la parità al 26°. Ma, ancora, al 29°, nuovo vantaggio dell'ÍF con Ari Ólavsson Ellingsgaard e, conseguente, pareggio di Tóki á Lofti al 32°. Non Uroš - dipendenti, ma oggi, decisamente, Jan - dipendenti, con gli ulteriori altri due goal, per un totale di tre, al 63° e all'85°, che consentono di salire ancora più in alto in classifica.

Il ha affrontato l'NSÍ, al við Djúpumýrar di Klaksvík. Nonostante le premesse, non ci sono state particolari occasioni da goal. Ma le squadre hanno svolto entrambe una buona gara tatticamente. Il punteggio finale ha consegnato un punto ciascuno che non serve a molto, per nessuna delle due. Un pari arrivato al 92° con Jonn Johannessen, 1-1, dopo un primo tempo concluso a reti bianche e goal del momentaneo vantaggio, ad opera di Petur Knudsen, arrivato solo al 73°.

Il Víkingur ha incontrato il B36, alle 18:00 ora italiana, al Sarpugerði di Norðragøta, Tante emozioni, goal e occasioni per realizzarne anche di più. Certamente, i padroni di casa soffrono abbastanza contro le piccole e riescono a dare il meglio di loro stessi contro le grandi. I bianconeri, invece, non sono riusciti a riscattarsi dalla sconfitta nel derby della capitale contro l'HB e hanno, così, consegnato proprio ai rossoneri un bel margine di vantaggio di sei punti, parlando solo del confronto diretto tra loro due. Risultato finale che ha visto, per l'appunto, il Víkingur imporsi per 4-2. Dopo diversi spunti interessanti nei primi minuti, al 20° l'ha sbloccata Andreas Lava Olsen. La reazione del B36, però, non si è fatta attendere e al 25°, dagli undici metri, Árni Frederiksberg ha ristabilito la parità. Ma anche il nuovo pareggio è durato poco, in quanto Andreas ha anche raddoppiato al 32° e portato il Víkingur al riposo avanti di un goal. Alla ripresa, Eli Falkvard Nielsen ha trovato l'ennesimo pari al 56°, ma il Víkingur non ha mai mollato la presa e ha fatto suo il match con altre due reti realizzate, in queste circostanze da Gunnar Vatnhamar, un solo minuto dopo, al 57°, e Sølvi Vatnhamar, su calcio di rigore, al 64°.

Di seguito, il riepilogo grafico di In.fo sui quattro verdetti in questione.