Solo un pari per Gunnhildur Yrsa Jónsdóttir e il suo Utah Royals, ma con la gioia della prima storica rete delle statunitensi in NWSL

In rete Gunnhildur Yrsa Jónsdóttir
25.03.2018 11:56 di Mattia Giodice Twitter:    Vedi letture
Jónsdóttir con la nazionale
Jónsdóttir con la nazionale

La centrocampista islandese Gunnhildur Yrsa Jónsdóttir ha disputato tutti i 90 minuti della sfida che ha visto il suo Utah Royals impattare per 1-1 contro l'Orlando Pride all'Orlando City Stadium, nella notte italiana, per il primo turno della National Women's Soccer League.

Jónsdóttir è stata schierata da coach Laura Harvey come regista in un centrocampo a tre, con la canadese Desiree Rose Marie Scott e la neozelandese Kate Elizabeth Bowen ai suoi lati.

Al 3° minuto di gioco, l'Utah Royals si è portato subito in vantaggio con un bel cross dalla destra ad opera dell'altra canadese Diana Beverly Matheson, che ha trovato proprio l'inserimento della numero cinque della nazionale di Freyr Alexandersson in area, brava e precisa a mettere nel sette il primo storico goal delle statunitensi nella Lega.

L'incontro è stato piuttosto equilibrato, anche nella seconda frazione, con alcune occasioni da entrambe le parti.

Tuttavia un punteggio giusto per quello che si è visto, ma con l'Orlando Pride che ha trovato il pari al 21° su un calcio di rigore generoso, secondo le vibranti proteste ospiti, e trasformato dalla stella brasiliana Marta Vieira da Silva.

Solo Seattle Reign e North Carolina Courage sono in testa, ma finora si sono disputate appena tre gare.

Non poteva iniziare nel migliore dei modi la stagione di Jónsdóttir a livello personale, con una rete che resterà negli annali della neonata società di Sandy.