Coca - Cola GM 2018 | Il B-67 torna a vincere su tutti, IT-79 terzo alle spalle dell'N-48

La settimana di campionato si è conclusa il 19 agosto: torna a vincere il B-67. Edizione da record per Jonas Hansen (47 anni, in forza al Kugsak-45) e per Nemo Thomsen (14 anni, militante nell'N-48)
28.08.2018 13:00 di Marco Piccinelli Twitter:    Vedi letture
Fonte: SostienePiccinelli.blogspot.com
La finale fra N-48 e B-67
La finale fra N-48 e B-67

Il campionato maschile groenlandese, iniziato il 12 agosto e terminato il 19 dello stesso mese, verrà ricordato certamente per la sua brevità, ma il Coca - Cola GM 2018 ha incoronato vincitrice la squadra di Nuuk che detiene più vittorie delle altre: il B-67.

I biancazzurri della capitale groenlandese, infatti, hanno all'attivo ben 13 vittorie stagionali. Nella scorsa edizione il B-67 ha visto sfumare il titolo in finale contro l'IT-79, squadra anch'essa di Nuuk, la quale ha soffiato la vittoria alla "Juventus del calcio groenlandese" - si parva licet - solo ai rigori.

L'ultima frontiera del football
Il campionato di calcio maschile è strutturato in tre fasi: locale, regionale e “nazionale” (ma è più corretto chiamarla “finale”), quest’ultima divide le squadre in due gruppi (A, B), solitamente non più di 12. Le fasi locali si svolgono prima della settimana di Ferragosto, momento clou del Coca - Cola GM. La fase finale si gioca su un campo solo, quello di Nuuk, recentemente rimesso a nuovo e in erba sintetica, fino a qualche anno fa in terra battuta. Ma che nessuno t(r)emi: il romanticismo del campionato più "a nord" del pianeta Terra non è stato affatto minato dalla colonizzazione del verde artificiale: gli spalti sono sempre i soliti, ovvero, la partita la si guarda dalle rocce, liberamente, senza pagare nulla.

Lo stesso campo fotografato da Dida G. Heilmann nella finale, qualche anno fa nella partita fra G-44 e FCM si presentava così (CLICCA QUI).

                                                                                                 Per comprendere pienamente quel che significa il calcio groenlandese bisogna saper astrarsi dalla quotidianità del calcio milionario, degli stadi vuoti, di pay-tv, dei giocatori considerati vecchi alle soglie dei trent'anni: i limiti di età in Groenlandia, semplicemente, non esistono. Quest'anno, infatti, in una partita fra K-45 e N-48 si sono affrontati il più vecchio e il più giovane calciatore del campionato: Jonas "Kidi" Hansen e Nemo Thomsen, segnando l’uno il goal della bandiera e l’altro una tripletta, in una partita che ha avuto ben poco da dire, terminando 1-13 per l'N-48 (Nagdlunguaq', della città di Ilulissat), compagine arrivata in finale e sconfitta per 2-0 dal B-67.

Jonas Hansen (a sinistra nella foto soprastante, fonte: Nuuk Boldspil Union), il più vecchio, ha 47 anni e 357 giorni, mentre Nemo Thomsen, il più giovane ne ha da poco compiuti 14: due mondi a confronto, sebbene provenienti dallo stesso Paese, dato che Jonas gioca per la polisportiva del suo paese da sempre (Qasigiannguit, insediamento della Baia di Disko che conta poco più di mille anime) e, nonostante il "blasone" del Nagdlunguaq', per il Kugsak-45 l’importante era essere presente alla fase finale. Il titolo torna al B-67 e l’allenatore vola in Svezia. La vittoria finale del campionato è tornata alla squadra biancazzurra di Nuuk, che ha sconfitto il Nagdlunguaq' di Ilulissat in finale, relegando al terzo posto l’IT-79, vincitrice lo scorso anno. 

Il calcio groenlandese vola in Svezia!
La notorietà della squadra groenlandese, per la prima volta, ha suscitato interesse all’estero, tanto che l’allenatore volerà in Svezia: «Tekle Ghebrelul, lascia il club e si trasferisce in Svezia», lo assicura «Sermitsiaq», quotidiano groenlandese/danese, «nelle prossime due stagioni sarà in prima linea all’Örebro futsal club, squadra della massima divisione svedese. “Non è stata una decisione facile lasciare il B-67, ma il tempo è maturo per provare qualcosa di nuovo: sono stato in Svezia a vedere le strutture [dell’Örebro ndt] e sono rimasto molto soddisfatto di quello che ho visto. Forse è anche buono per il B-67, che avrà possibilità di provare qualche nuovo percorso”, ha detto Tekle Ghebrelul».

Salik Sebulonsen del K-33 va il titolo di capocannoniere con i suoi 9 centri, due in più di Giulio Motzfeldt e Nick Reimer rispettivamente dell'IT-79 e del Nagdlunguaq'.

Di seguito, il miglior undici della stagione:

• Gabriel Petersen (Nagdlunguak')
• Kaali Lund Mathæussen (Nagdlunguak');
• Aputsiaq Birch (B-67);
• Anders Frederiksen (NÛK);
• Morten Fleischer (IT-79);
• Patrick Frederiksen (B-67);
• Lars Erik Reimer (Nagdlunguak');
• Kuluk Ezekiassen (IT-79);
• John Ludvig Brober (B-67);
• Ari Hermann (B-67);
• Nick Reimer (Nagdlunguak').

Inoltre, Patrick Frederiksen del B-67 ha vinto il premio di miglior giocatore dell'anno, Kaali Lund Mathæussen del Nagdlunguak' è stato eletto giocatore più "duro" e a Markus Jensen è andato il titolo di miglior allenatore, come è possibile vedere nell'immagine sottostante scattata dal collega Leiff Josefsen di Sermitsiaq.ag.

Qui, invece, gli highlights della finale.